salta al contenuto

Servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari per il confezionamento di pasti per gli Istituti penitenziari, con assicurazione del servizio di Sopravvitto. per il Provveditorato - PUGLIA e BASILICATA - Bando di gara

6 luglio 2017

Dipartimento dell'amministrazione penitenziaria
Provveditorato regionale per la Puglia e Basilicata

SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE
I.1) Denominazione e indirizzi (di tutte le amministrazioni aggiudicatrici responsabili della procedura)

Denominazione ufficiale:
Ministero della giustizia
Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria
Provveditorato Regionale per la Puglia e Basilicata
C.F. 93057350725
Indirizzo postale: Corso Alcide de Gasperi n. 309
Città: Bari
Codice NUTS: ITF42
Codice postale: 70125
Paese: Italia
Persona di contatto: Giuseppe Dibari
Telefono: 080 5041010
E-mail: pr.bari@giustiziacert.it
e, per conoscenza:
giuseppe.dibari@giustizia.it;
emanuele.degiuseppe@giustizia.it;
Indirizzi Internet:
Indirizzo del profilo del committente: https://www.giustizia.it/giustizia/

I.3) Comunicazione
I documenti di gara sono disponibili per un accesso gratuito, illimitato e diretto presso
:
https://www.giustizia.it/giustizia/
Ulteriori informazioni sono disponibili presso
https://www.acquistinretepa.it Le offerte o le domande di partecipazione vanno inviate
https://www.acquistinretepa.it

I.4) Tipo di Amministrazione aggiudicatrice
Ministero o qualsiasi altra autorità nazionale o federale, inclusi gli uffici a livello locale o regionale

I.5) Principali settori di attività
Altre attività: Esecuzione penale

 

SEZIONE II: OGGETTO
II.1) Entità dell’appalto
II.1.1) Denominazione
Gara per la conclusione di un Accordo quadro relativo all’affidamento del servizio di mantenimento dei detenuti e internati.

II.1.2) Codice CPV principale:
15000000 – Prodotti alimentari, bevande, tabacco e prodotti affini

II.1.3) Tipo di appalto:
Servizi

II.1.4) Breve descrizione dell'appalto o degli acquisti
Gara per la conclusione di un Accordo quadro relativo all’affidamento del servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale per il confezionamento di pasti giornalieri completi (colazione, pranzo e cena) ai ristretti negli Istituti penitenziari, con assicurazione del servizio di Sopravvitto.

II.1.5) Valore totale stimato
16.627.417,00 IVA esclusa
Valuta: euro

II.1.6) Informazioni relative ai Lotti
Questo appalto è suddiviso in lotti
:
Si
Quantitativo dei lotti: 5
Le offerte vanno presentate per Numero massimo di lotti: 5

(la sezione che segue (II.2) si ripete tante volte quanti i lotti del bando)

II.2.1) Denominazione del lotto
Denominazione del lotto

Servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale per il confezionamento di pasti giornalieri completi (colazione, pranzo e cena) ai ristretti negli Istituti penitenziari, con assicurazione del servizio di Sopravvitto – Istituto penitenziario Lecce - CIG 71191371B4
Lotto n.: 1

II.2.2) Codici CPV supplementari:
Codice CPV principale:

15000000 – Prodotti alimentari, bevande, tabacco e prodotti affini

II.2.3) Luogo di esecuzione
Codice NUTS: 
ITF45
Luogo principale di esecuzione:
C.c. Lecce.

II.2.4) Descrizione dell’appalto
Servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale, per il confezionamento del vitto (pasti giornalieri completi: colazione, pranzo e cena) ai sensi dell’art. 9 dell’Ordinamento penitenziario (legge 26 luglio 1975, n. 354), nel rispetto dei criteri ambientali minimi (CAM) di cui al decreto del Ministro dell’ambiente 25 luglio 2011, pubblicato sulla G.U. n. 220 del 21 settembre 2011, resi obbligatori con la legge 28 dicembre 2015, n. 221 e richiamati dall’art. 34 del Codice dei contratti. L’aggiudicatario è tenuto ad assicurare, altresì, il servizio per il Sopravvitto di cui all’art. 9, comma 7, dell’Ordinamento penitenziario.

II.2.5) Criteri di aggiudicazione
Il prezzo non è il solo criterio di aggiudicazione e tutti i criteri sono indicati solo nei documenti di gara

II.2.6) Valore stimato
4.017.936,00 IVA esclusa
Valuta: euro

II.2.7) Durata del contratto d’appalto
Esatto
Durata in mesi: 36
Il contratto d’appalto è oggetto di rinnovo: No

II.2.10) Informazioni sulle varianti
Sono autorizzate varianti:
No

II.2.11) Informazioni relative alle opzioni
Opzioni:
No

II.2.13) Informazioni relative ai fondi dell’Unione europea
L’appalto è connesso ad un progetto e/o programma finanziato dai fondi dell’Unione europea:
No

II.2.14) Informazioni complementari
Presso i contatti di cui sopra (punto I.1) è possibile reperire ulteriore documentazione informativa relativa alle modalità operative del servizio attualmente in corso

II.2.1) Denominazione del lotto
Denominazione del lotto

Servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale per il confezionamento di pasti giornalieri completi (colazione, pranzo e cena) ai ristretti negli Istituti penitenziari, con assicurazione del servizio di Sopravvitto – Istituti penitenziari Turi, Bari, Trani - CIG 7119173F65
Lotto n.: 2

II.2.2) Codici CPV supplementari:
Codice CPV principale:

15000000 – Prodotti alimentari, bevande, tabacco e prodotti affini

II.2.3) Luogo di esecuzione
Codice NUTS: ITF47
Luogo principale di esecuzione:
C.r. Turi, c.c. Bari, c.c. Trani, c.r.f. Trani

II.2.4) Descrizione dell’appalto
Servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale, per il confezionamento del vitto (pasti giornalieri completi: colazione, pranzo e cena) ai sensi dell’art. 9 dell’Ordinamento penitenziario (legge 26 luglio 1975, n. 354), nel rispetto dei criteri ambientali minimi (CAM) di cui al decreto del Ministro dell’ambiente 25 luglio 2011, pubblicato sulla G.U. n. 220 del 21 settembre 2011, resi obbligatori con la legge 28 dicembre 2015, n. 221 e richiamati dall’art. 34 del Codice dei contratti. L’aggiudicatario è tenuto ad assicurare, altresì, il servizio per il Sopravvitto di cui all’art. 9, comma 7, dell’Ordinamento penitenziario.

II.2.5) Criteri di aggiudicazione
Il prezzo non è il solo criterio di aggiudicazione e tutti i criteri sono indicati solo nei documenti di gara

II.2.6) Valore stimato
3.705.905,00 IVA esclusa
Valuta: euro

II.2.7) Durata del contratto d’appalto
Esatto
Durata in mesi: 36
Il contratto d’appalto è oggetto di rinnovo: No

II.2.10) Informazioni sulle varianti
Sono autorizzate varianti:
No

II.2.11) Informazioni relative alle opzioni
Opzioni:
No

II.2.13) Informazioni relative ai fondi dell’Unione europea
L’appalto è connesso ad un progetto e/o programma finanziato dai fondi dell’Unione europea:
No

II.2.14) Informazioni complementari
Presso i contatti di cui sopra (punto I.1) è possibile reperire ulteriore documentazione informativa relativa alle modalità operative del servizio attualmente in corso.

II.2.1) Denominazione del lotto
Denominazione del lotto

Servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale per il confezionamento di pasti giornalieri completi (colazione, pranzo e cena) ai ristretti negli Istituti penitenziari, con assicurazione del servizio di Sopravvitto – Istituti penitenziari di San Severo, Foggia, Lucera - CIG 711918052F
Lotto n.: 3

II.2.2) Codici CPV supplementari:
Codice CPV principale:

15000000 – Prodotti alimentari, bevande, tabacco e prodotti affini

II.2.3) Luogo di esecuzione
Codice NUTS: 
ITF46
Luogo principale di esecuzione:
C.c. San Severo, c.c. Foggia, c.c. Lucera.

II.2.4) Descrizione dell’appalto
Servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale, per il confezionamento del vitto (pasti giornalieri completi: colazione, pranzo e cena) ai sensi dell’art. 9 dell’Ordinamento penitenziario (legge 26 luglio 1975, n. 354), nel rispetto dei criteri ambientali minimi (CAM) di cui al decreto del Ministro dell’ambiente 25 luglio 2011, pubblicato sulla G.U. n. 220 del 21 settembre 2011, resi obbligatori con la legge 28 dicembre 2015, n. 221 e richiamati dall’art. 34 del Codice dei contratti. L’aggiudicatario è tenuto ad assicurare, altresì, il servizio per il Sopravvitto di cui all’art. 9, comma 7, dell’Ordinamento penitenziario.

II.2.5) Criteri di aggiudicazione
Il prezzo non è il solo criterio di aggiudicazione e tutti i criteri sono indicati solo nei documenti di gara

II.2.6) Valore stimato
3.500.734,00 IVA esclusa
Valuta: euro

II.2.7) Durata del contratto d’appalto
Esatto
Durata in mesi: 36
Il contratto d’appalto è oggetto di rinnovo: No

II.2.10) Informazioni sulle varianti
Sono autorizzate varianti:
No

II.2.11) Informazioni relative alle opzioni
Opzioni:
No

II.2.13) Informazioni relative ai fondi dell’Unione europea
L’appalto è connesso ad un progetto e/o programma finanziato dai fondi dell’Unione europea:
No

II.2.14) Informazioni complementari
Presso i contatti di cui sopra (punto I.1) è possibile reperire ulteriore documentazione informativa relativa alle modalità operative del servizio attualmente in corso.

II.2.1) Denominazione del lotto
Denominazione del lotto
servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale per il confezionamento di pasti giornalieri completi (colazione, pranzo e cena) ai ristretti negli Istituti penitenziari, con assicurazione del servizio di Sopravvitto – Istituti penitenziari di Taranto e Brindisi - CIG 7119188BC7
Lotto n.: 4

II.2.2) Codici CPV supplementari:
Codice CPV principale:

15000000 – Prodotti alimentari, bevande, tabacco e prodotti affini

II.2.3) Luogo di esecuzione
Codice NUTS: 
ITF43
Luogo principale di esecuzione:
C.c. Taranto, c.c. Brindisi

II.2.4) Descrizione dell’appalto
Servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale, per il confezionamento del vitto (pasti giornalieri completi: colazione, pranzo e cena) ai sensi dell’art. 9 dell’Ordinamento penitenziario (legge 26 luglio 1975, n. 354), nel rispetto dei criteri ambientali minimi (CAM) di cui al decreto del Ministro dell’ambiente 25 luglio 2011, pubblicato sulla G.U. n. 220 del 21 settembre 2011, resi obbligatori con la legge 28 dicembre 2015, n. 221 e richiamati dall’art. 34 del Codice dei contratti. L’aggiudicatario è tenuto ad assicurare, altresì, il servizio per il Sopravvitto di cui all’art. 9, comma 7, dell’Ordinamento penitenziario.

II.2.5) Criteri di aggiudicazione
Il prezzo non è il solo criterio di aggiudicazione e tutti i criteri sono indicati solo nei documenti di gara

II.2.6) Valore stimato
2.752.714,00 IVA esclusa
Valuta: euro

II.2.7) Durata del contratto d’appalto
Esatto
Durata in mesi: 36
Il contratto d’appalto è oggetto di rinnovo: No

II.2.10) Informazioni sulle varianti
Sono autorizzate varianti:
No

II.2.11) Informazioni relative alle opzioni
Opzioni:
No

II.2.13) Informazioni relative ai fondi dell’Unione europea
L’appalto è connesso ad un progetto e/o programma finanziato dai fondi dell’Unione europea:
No

II.2.14) Informazioni complementari
Presso i contatti di cui sopra (punto I.1) è possibile reperire ulteriore documentazione informativa relativa alle modalità operative del servizio attualmente in corso.

II.2.1) Denominazione del lotto
Denominazione del lotto
Servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale per il confezionamento di pasti giornalieri completi (colazione, pranzo e cena) ai ristretti negli Istituti penitenziari, con assicurazione del servizio di Sopravvitto – Istituti penitenziari di Matera, Altamura, Melfi, Potenza - CIG 7119202756
Lotto n.: 5

II.2.2) Codici CPV supplementari:
Codice CPV principale:

15000000 – Prodotti alimentari, bevande, tabacco e prodotti affini

II.2.3) Luogo di esecuzione
Codice NUTS: 
ITF51
Luogo principale di esecuzione:
C.c. Matera, c.r. Altamura, c.c. Melfi, c.c. Potenza

II.2.4) Descrizione dell’appalto
Servizio di mantenimento dei detenuti e internati attraverso l’approvvigionamento di derrate alimentari derivanti da processi di produzione a ridotto impatto ambientale, per il confezionamento del vitto (pasti giornalieri completi: colazione, pranzo e cena) ai sensi dell’art. 9 dell’Ordinamento penitenziario (legge 26 luglio 1975, n. 354), nel rispetto dei criteri ambientali minimi (CAM) di cui al decreto del Ministro dell’ambiente 25 luglio 2011, pubblicato sulla G.U. n. 220 del 21 settembre 2011, resi obbligatori con la legge 28 dicembre 2015, n. 221 e richiamati dall’art. 34 del Codice dei contratti. L’aggiudicatario è tenuto ad assicurare, altresì, il servizio per il Sopravvitto di cui all’art. 9, comma 7, dell’Ordinamento penitenziario.

II.2.5) Criteri di aggiudicazione
Il prezzo non è il solo criterio di aggiudicazione e tutti i criteri sono indicati solo nei documenti di gara

II.2.6) Valore stimato
2.650.128,00 IVA esclusa
Valuta: euro

II.2.7) Durata del contratto d’appalto
Esatto
Durata in mesi: 36
Il contratto d’appalto è oggetto di rinnovo: No

II.2.10) Informazioni sulle varianti
Sono autorizzate varianti:
No

II.2.11) Informazioni relative alle opzioni
Opzioni:
No

II.2.13) Informazioni relative ai fondi dell’Unione europea
L’appalto è connesso ad un progetto e/o programma finanziato dai fondi dell’Unione europea:
No

II.2.14) Informazioni complementari
Presso i contatti di cui sopra (punto I.1) è possibile reperire ulteriore documentazione informativa relativa alle modalità operative del servizio attualmente in corso.

 

SEZIONE III: INFORMAZIONI DI CARATTERE GIURIDICO, ECONOMICO, FINANZIARIO E TECNICO
III.1) Condizioni di partecipazione
III.1.1) Abilitazione all’esercizio dell’attività professionale, inclusi i requisiti relativi all’iscrizione nell’albo professionale o nel registro commerciale
Elenco e breve descrizione delle condizioni
:
Possono partecipare alla presente gara i soggetti di cui all’art. 45 del d.lgs. 18 aprile 2016, n. 50, iscritti alla Camera di commercio - Registro delle imprese o altro registro commerciale di uno stato membro, che operino nel settore del commercio delle derrate alimentari, dei servizi di distribuzione di derrate e alimenti, di altri servizi comunque ad essi assimilabili. Le ditte partecipanti dovranno essere in possesso della certificazione di qualità UNI EN ISO 9001:2008 ovvero della successiva norma UNI EN ISO 9001:2015 in corso di validità per il settore di accreditamento riconducibile alle attività di cui sopra rilasciata da un organismo accreditato. Le due norme sono ammesse a coesistere per un periodo di anni tre a decorrere dal 22 settembre 2015. La predetta certificazione, in caso di partecipazione in RTI o Consorzio, dovrà essere posseduta e dichiarata, a pena di esclusione (fatte salve le ipotesi, nel caso delle dichiarazioni, di possibile ricorso al soccorso istruttorio):

  1. dalle singole imprese raggruppande o raggruppate, in caso di RTI (sia costituito che costituendo);
  2. da ciascuna delle imprese consorziande o consorziate che eseguiranno le prestazioni, in caso di Consorzio ordinario di concorrenti (sia costituito che costituendo);
  3. dal Consorzio che esegue in proprio le prestazioni e dalle eventuali altre imprese consorziande o consorziate per le quali il Consorzio concorre;
  4. dal Consorzio e/o dalle singole imprese consorziate indicate quali esecutrici, nel caso di Consorzio di cui all’art. 45, comma 2, lett. b) e c) del d.lgs. n. 50/2016.

III.1.2) capacità economica e finanziaria
Elenco e breve descrizione dei criteri di selezione

  1. presentare n. 2 idonee referenze bancarie, a pena d’esclusione, rilasciate, in originale, da personale della banca a ciò autorizzato. Le referenze non potranno essere generiche e dovranno fare riferimento alla capacità finanziaria del concorrente ad assumere, in caso di aggiudicazione, l’esecuzione dell’appalto in relazione al valore dello stesso. Le referenze dovranno essere rilasciate con specifico riferimento alla gara per cui si partecipa (oggetto e CIG). Il riferimento alla capacità finanziaria del concorrente si intende alla data di rilascio della referenza, quale fotografia della situazione esistente come rilevabile dalla complessiva situazione del correntista e non ha valore di garanzia da parte dell’istituto di credito.
  2. fatturato annuo medio generico nel triennio 2014 – 2016, IVA esclusa;
  3. fatturato annuo medio specifico nel settore di attività oggetto del presente appalto nel triennio 2014 - 2016, Iva esclusa.

Livelli minimi di capacità eventualmente richiesti:

  1. si richiedono 2 referenze rilasciate almeno per il valore del lotto cui si riferiscono ovvero, in caso di partecipazione a più lotti, almeno per la somma del valore dei lotti se si presenta una referenza cumulativa. Le predette referenze, in caso di partecipazione associata, dovranno essere presentate:
    1. in caso di R.T.I. – sia costituito che costituendo – dall’impresa mandataria o almeno una dall’impresa mandataria e l’altra da un’impresa mandante;
    2. in caso di Consorzio ordinario costituendo, da una o da più imprese consorziate tra quelle che eseguiranno le prestazioni;
    3. in caso di Consorzio ordinario costituito e in caso di Consorzio stabile le due referenze dovranno essere presentate dal Consorzio o almeno una dal Consorzio e l’altra da una delle imprese consorziate tra quelle che eseguiranno le prestazioni.
  2. il fatturato dovrà essere almeno pari:
    • per il lotto 1 a euro 2.678.624,00
    • per il lotto 2 a euro 2.470.603,00
    • per il lotto 3 a euro 2.333.823,00
    • per il lotto 4 a euro 1.835.143,00
    • per il lotto 5 a euro 1.766.752,00
    In caso di partecipazione a più lotti, il requisito si intenderà soddisfatto per un valore almeno pari alla metà (1/2) della somma del valore dei lotti per cui si partecipa. In caso di RTI o Consorzio ordinario di concorrenti, il fatturato dovrà essere posseduto dal RTI o dal Consorzio nel suo complesso. Nel caso di Consorzio di cui all’art. 45, comma 2, lett. c) del Codice, il fatturato dovrà essere posseduto dal Consorzio oppure dalle consorziate esecutrici. Si applica quanto previsto dall’art. 47, comma 2, del Codice dei contratti.
  3. il fatturato dovrà essere almeno pari:
    • per il lotto 1 a euro 1.339.312,00
    • per il lotto 2 a euro 1.235.302,00
    • per il lotto 3 a euro 1.166.911,00
    • per il lotto 4 a euro 917.571,00
    • per il lotto 5 a euro 883.376,00
    In caso di partecipazione a più lotti, il requisito si intenderà soddisfatto per un valore almeno pari ad un quarto (1/4) della somma del valore dei lotti per cui si partecipa. In caso di RTI – sia costituito che costituendo -, il fatturato specifico dovrà essere posseduto dal RTI nel suo complesso. In caso di Consorzio ordinario costituito il fatturato specifico dovrà essere posseduto dal Consorzio se esegue direttamente la prestazione ovvero, anche cumulativamente, dal Consorzio e/o dalle singole imprese esecutrici. In caso di Consorzio ordinario costituendo, il fatturato specifico dovrà essere posseduto cumulativamente dalle imprese esecutrici. Nel caso di Consorzio di cui all’art. 45, comma 2, lett. c) del Codice, il fatturato dovrà essere posseduto dal Consorzio ovvero, anche cumulativamente, dal Consorzio e dalle consorziate esecutrici. Si applica quanto previsto dall’art. 47, comma 2 del Codice.

I mezzi di prova sopra individuati possono essere sostituiti con altri mezzi idonei, ai sensi dell’art. 86, comma 4 del Codice, solo nelle ipotesi in cui ricorrano “fondati motivi” sostenuti con mezzi adeguati, non potendosi ritenere sufficiente una mera autodichiarazione del concorrente.

III.1.3) Capacità professionale e tecnica
Elenco e breve descrizione dei criteri di selezione

  1. elenco dei principali servizi analoghi negli ultimi tre anni (2014-2016), con indicazione analitica dell'oggetto, dei rispettivi importi, date e committenti, pubblici o privati. Per servizi analoghi si intendono servizi di commercio di derrate alimentari e distribuzione delle stesse a comunità ed enti tipo carceri, caserme, ospedali, istituti scolastici di ogni ordine e grado, comunità terapeutiche, case di riposo o altri enti aventi similari caratteristiche di utenza, con l’indicazione degli importi, delle date e dei destinatari pubblici o privati.

Livelli minimi di capacità eventualmente richiesti:

  1. Il requisito è soddisfatto laddove l’elenco riporti i servizi prestati nel triennio di riferimento la cui somma dei valori sia almeno pari al valore del fatturato annuo medio specifico richiesto per il lotto cui si partecipa (vedi III.1.2 - c), fatto salvo il valore calcolato per la partecipazione a più lotti. In caso di R.T.I., il requisito dovrà essere posseduto cumulativamente dal R.T.I. In caso di Consorzio ordinario costituito, il requisito dovrà essere posseduto dal Consorzio se esegue direttamente la prestazione ovvero, anche cumulativamente, dal Consorzio e dalle imprese esecutrici. In caso di Consorzio ordinario costituendo, il requisito dovrà essere posseduto, anche cumulativamente, dalle imprese esecutrici. Nel caso di Consorzio di cui all’art. 45, comma 2, lett. c) del Codice, l’elenco dovrà essere posseduto dal Consorzio oppure dalle consorziate esecutrici. Si applica quanto previsto dall’art. 47, comma 2 del Codice.

 

SEZIONE IV: PROCEDURA
IV.1) Descrizione
IV.1.1) Tipo di procedura
Procedura aperta

IV.1.3) Informazioni su un accordo quadro o un sistema dinamico di acquisizione
L’avviso comporta la conclusione di un accordo quadro con un unico operatore

IV.1.8) Informazioni relative all’accordo sugli appalti pubblici (AAP)
L’appalto è disciplinato dall’accordo sugli appalti pubblici:
Si

IV.2) Informazione di carattere amministrativo
IV.2.2) Termine per il ricevimento delle offerte o delle domande di partecipazione

Data: 5 settembre 2017 - Ora locale 12:00

IV.2.4) Lingue utilizzabili per la presentazione delle offerte o delle domande di partecipazione
Italiano

IV.2.6) Periodo minimo durante il quale l’offerente è vincolato alla propria offerta
Durata in mesi
: 8 (dal termine ultimo per il ricevimento delle offerte)

IV.2.7) Modalità di apertura delle offerte
Data
: 7 settembre 2017 ora locale: 16:00
Luogo: Sistema telematico (vedi disciplinare di gara)
Informazioni relative alle persone ammesse e alla procedura di apertura Vedi disciplinare di gara

 

SEZIONE VI: ALTRE INFORMAZIONI
VI.1) Informazioni relative alla rinnovabilità
Si tratta di un appalto rinnovabile

No

VI.3) Informazioni complementari

  1. La presente gara è indetta come da delibera a contrarre del 20 giugno 2017 n. 19.
  2. L’Amministrazione contraente si riserva:
    1. di non procedere all’aggiudicazione nel caso in cui nessuna delle offerte risulti conveniente o idonea in relazione all’oggetto contrattuale, in conformità a quanto previsto dall’art. 95, comma 12, del Codice;
    2. di procedere all’aggiudicazione anche in presenza di una sola offerta valida e ritenuta conveniente;
    3. di sospendere, reindire o non aggiudicare la gara motivatamente;
    4. di non stipulare motivatamente il contratto anche qualora sia intervenuta in precedenza l’aggiudicazione.
  3. L’Amministrazione si avvarrà di un Sistema telematico in modalità ASP (Application Service Provider) per gestire la procedura di gara, come meglio specificato nel Disciplinare di gara.
  4. Il prezzo non potrà superare in nessun caso, pena l’inammissibilità, il limite massimo per la diaria pro-capite di euro 3,90 (tre/90) IVA esclusa. Gli oneri della sicurezza da interferenza, non ribassabili, sono pari a: vedi disciplinare di gara per singolo lotto
  5. Sono esclusi dalla gara i concorrenti coinvolti in situazioni oggettive lesive della par condicio tra concorrenti e/o lesive della segretezza delle offerte.
  6. Il subappalto non è ammesso.
  7. La ditta aggiudicataria assume tutti gli obblighi di tracciabilità dei flussi finanziari di cui alla legge 13 agosto 2010, n. 136 e successive modificazioni.
  8. Le spese di pubblicità sostenute e ancora da sostenere dall’Amministrazione per la presente procedura (stimate in euro 15.000,00) sono rimborsate dall’aggiudicatario secondo quanto previsto dal decreto Ministero infrastrutture 2 dicembre 2016.
  9. In ragione della particolare rilevanza sociale che riveste il servizio oggetto della gara, è richiesto per la partecipazione alla gara un limite di fatturato aziendale tale da assicurare un’organizzazione di mezzi e risorse finanziarie sufficienti a garantire la capacità di realizzazione del servizio secondo le specifiche richieste dall’Amministrazione.
  10. Il codice identificativo della gara (CIG), anche ai fini delle contribuzioni dovute, è: vedi disciplinare di gara per singolo lotto.
  11. Ai fini della dimostrazione del possesso dei requisiti di partecipazione, si applica, altresì, quanto previsto al comma 4 dell’articolo 86 del codice. Resta inteso che la valutazione in merito alla fondatezza dei motivi per i quali l’operatore economico non è in grado di presentare le referenze chieste dall’amministrazione spetta a quest’ultima.
  12. La ditta aggiudicataria, con riferimento ai dipendenti addetti al servizio dell’impresa uscente, valuterà le condizioni di assorbimento di quel personale, tenuto conto della propria organizzazione, in un’ottica di continuità e di tutela del servizio.
  13. Le specifiche prescrizioni riguardanti il dettaglio del servizio, le modalità di presentazione delle offerte e le altre informazioni sono contenute nel disciplinare di gara e nel capitolato prestazionale allegati al presente bando.
  14. I concorrenti consentono il trattamento dei propri dati, anche personali, ai sensi del d.lgs. n. 196/03 e s.m.i., per le esigenze concorsuali e contrattuali.
  15. L’Amministrazione si riserva di richiedere l’esecuzione anticipata del contratto.
  16. Per eventuali informazioni complementari e/o chiarimenti sul contenuto della documentazione di gara vedasi disciplinare di gara.
  17. Responsabile del procedimento è dott. Giuseppe Dibari.
  18. Nessun compenso spetta alle imprese concorrenti per la partecipazione alla gara anche nel caso in cui la stessa dovesse, per qualsiasi motivo, essere annullata o se non dovesse procedersi ad aggiudicazione.

SEZIONE VI.4) PROCEDURE DI RICORSO
VI.4.1) Organismo responsabile delle procedure di ricorso
Denominazione ufficiale: Tribunale amministrativo regionale della Puglia
Città: Bari
Paese: Italia

VI.4.3) Procedure di ricorso
Informazioni dettagliate sui termini di presentazione del ricorso:

Avanti il T.A.R. nei termini previsti dall’articolo 120 del d.lgs. 2 luglio 2010, n. 104.

Il Provveditore regionale
Carmelo Cantone