salta al contenuto

Note legali

aggiornamento: 21 febbraio 2020

Utilizzazione del sito del Ministero della giustizia

Dati, informazioni testuali ed elementi multimediali contenuti nel sito del Ministero della giustizia sono protetti dalla legge 22 aprile 1941 n. 633 e successive modificazioni in materia di “Protezione del diritto d’autore”, salva la protezione garantita dall’art. 615-ter del codice penale che punisce l’accesso abusivo ad un sistema informatico o telematico.

Informazioni testuali ed elementi multimediali sono di proprietà del Ministero della giustizia e dei loro autori e aventi diritto. L'utilizzatore dei contenuti di questo sito è tenuto a rispettare i diritti di proprietà intellettuale del Ministero della giustizia e di terzi.

L'utilizzazione, la riproduzione, l'estrazione di copia, la distribuzione delle informazioni testuali, degli elementi multimediali e del patrimonio conoscitivo disponibile su questo sito sono autorizzate esclusivamente nei limiti in cui le stesse avvengano nel rispetto dell'interesse pubblico all'informazione, per finalità non commerciali, garantendo l'integrità degli elementi riprodotti e mediante indicazione della fonte. L’amministrazione individua le ipotesi di possibile utilizzo anche a fini commerciali.

In particolare, è fatto divieto di utilizzare, riprodurre o distribuire le informazioni testuali e gli elementi multimediali in testi e contesti che possano ledere il diritto all'immagine, all'onore, al decoro e alla reputazione delle persone ivi fotografate, riprese o citate.

Per quanto attiene alle fonti normative, il Ministero della giustizia non risponde dell’utilizzazione dei contenuti presenti sul sito effettuata in modo da discostarsi dalla versione ufficiale degli atti, che è solo quella risultante dai testi della Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana e della Raccolta ufficiale delle leggi e dei decreti della Repubblica Italiana (artt. 6-8 d.p.r. 1092/1985).

Il Ministero della giustizia non assume alcuna responsabilità per eventuali errori od omissioni di qualsiasi tipo e per qualunque tipo di danno diretto, indiretto o accidentale derivante dalla lettura o dall’impiego delle informazioni pubblicate, o di qualsiasi forma di contenuto presente nel sito o per l’accesso o l’uso del materiale contenuto in siti citati e/o collegati.

Il Ministero della giustizia si riserva il diritto di modificare i contenuti del sito e delle note legali in qualsiasi momento e senza alcun preavviso.

Copyright

I contenuti del sito - codice di script, grafica, testi, tabelle, immagini, suoni e ogni altra informazione disponibile in qualunque forma - sono protetti ai sensi della normativa in tema di opere dell’ingegno. Ogni prodotto o società menzionati in questo sito sono marchi dei rispettivi proprietari o titolari e possono essere protetti da brevetti e/o copyright concessi o registrati dalle autorità preposte.

Qualsiasi forma di link al presente Sito, se inserita da soggetti terzi, non deve recare danno all'immagine ed alle attività del Ministero della giustizia.

È vietato il cd. “deep linking” inteso come utilizzo non trasparente, su siti di soggetti terzi, di parti del sito.

Eventuali violazioni saranno perseguite nelle competenti sedi giudiziarie.

Accesso ai siti collegati

Il Ministero non ha alcuna responsabilità per quanto riguarda i siti esterni, ai quali è possibile accedere tramite collegamenti posti all'interno del suo sito, forniti come semplice servizio agli utenti della rete e senza che ciò implichi l'approvazione dei siti stessi.

Privacy

I dati che pervengono al sito del Ministero, spontaneamente dagli utenti di esso o perché richiesti nel corso dei collegamenti, saranno sottoposti al trattamento previsto dalla normativa sulla privacy. I dati personali sono trattati solo per il tempo necessario a conseguire gli scopi per cui sono stati raccolti. Gli utenti che abbiano fornito i propri dati al sito del Ministero avranno il diritto in ogni momento di controllare l'esattezza di essi ed eventualmente ritirare la disponibilità acché vengano usati dallo stesso Ministero.

Social media

Il Ministero utilizza i social media per finalità istituzionali, per accrescere la trasparenza e la conoscenza delle proprie attività: informa, comunica, ascolta e pubblica contenuti di carattere istituzionale.

I contenuti pubblicati comprendono fotografie, video istituzionali, comunicati stampa, informazioni di servizio, notizie relative all’attività del Ministero nonché opportunità di coinvolgimento e partecipazione dei cittadini.

Attraverso i propri canali social, il Ministero può condividere e rilanciare contenuti e messaggi di pubblico interesse e utilità pubblicate da altri utenti.

Il Ministero si impegna a gestire spazi di comunicazione e dialogo all’interno dei propri profili social media chiedendo ai propri utenti il rispetto di alcune semplici regole:

  • A tutti si chiede di esporre la propria opinione con correttezza, misura e rispetto.
  • Nei social media ognuno è responsabile dei contenuti che pubblica e delle opinioni che esprime. Non saranno comunque tollerati insulti, volgarità, offese, minacce e, in generale, atteggiamenti violenti o diffamatori.
  • I contenuti pubblicati devono rispettare sempre la privacy delle persone. Vanno evitati riferimenti a fatti o a dettagli privi di rilevanza pubblica e che ledano la sfera personale di terzi.
  • L’interesse degli argomenti rispetto alle attività del Ministero è un requisito essenziale: non è possibile in alcun modo utilizzare questi spazi per scopi diversi da quelli istituzionali.
  • Ogni discussione è legata a un tema specifico: a tutti i partecipanti è richiesto di rispettarlo, evitando di allargare il confronto in modo generico e indiscriminato.
  • Non sarà tollerata alcuna forma di pubblicità, spam o promozione di interessi privati o di attività illegali.
  • Non sono ammessi contenuti che violino il diritto d’autore né l’utilizzo non autorizzato di marchi registrati.

In ogni caso, ove il social media lo permetta, saranno rimossi dallo staff tutti i post, i commenti o i materiali audio/video che:

  • presentano un linguaggio inappropriato e/o un tono minaccioso, violento, volgare o irrispettoso
  • presentano contenuti illeciti o di incitamento a compiere attività illecite
  • hanno contenuti offensivi, ingannevoli, allarmistici, o in violazione di diritti di terzi
  • divulgano dati e informazioni personali o che possono cagionare danni o ledere la reputazione di terzi
  • presentano contenuti a contenuto osceno, pornografico o pedopornografico, o tale da offendere la sensibilità degli utenti
  • hanno un contenuto discriminatorio per genere, razza, etnia, lingua, credo religioso, opinioni politiche, orientamento sessuale, età, condizioni personali e sociali
  • promuovono o sostengono attività illegali, che violano il copyright o che utilizzano in modo improprio un marchio registrato.

Per chi dovesse violare ripetutamente queste condizioni o quelle contenute nelle policy degli strumenti adottati, il Ministero si riserva il diritto di usare il ban o il blocco (quando possibile dopo un primo avvertimento) per impedire ulteriori interventi, e di segnalare l’utente ai responsabili della piattaforma ed eventualmente alle forze dell’ordine.

Eventuali altri account riferiti al Ministero non sono da questo gestiti.

I canali social media del Ministero non sostituiscono i canali di accesso del pubblico ai servizi di informazione e assistenza resi dall’Amministrazione, in particolare dal Call Center Giustizia.